fbpx
breadway

SCARICA IL PROGRAMMA
[presto disponibile]

6 GIUGNO

18.00  > 20.00 / Mulino Alvino

Opening Mostra ADI – Associazione Design Industriale – “breadway” –  Bread for Earth

Opening Mostra IED  – School of Design Barcellona – Pan Madre



7 GIUGNO

10.00 – 13.00 > 15.00 – 19.00 / Mulino Alvino

Mostra ADI Associazione Design Industriale – “breadway” –  Bread for Earth

Mostra IED School of Design Barcellona – Pan Madre

 

10.00 – 12.00 / piazza Marconi

Il Cooking Class a cura dell’Ass. Cuochi Materani Derado Vandemoortele e Consorzio I.G.P. pane di MATERA sfida artigianato – industria

 

15.30 > 18.30 / Rione Piccianello

Cucine(s) Matera

Atelier di costruzione partecipata di una grande tavolata che si snoderà nel quartiere. Una creazione collettiva che trasforma lo spazio in luogo unico e fa nascere relazioni intorno ad un tavolo. A cura di Floriane Facchini&Cie

 

15.30 > 17.30 / Scuola Marconi

PANEUROPA: una mappa immaginaria dei pani europei

Cosa può dirci una mappa? Che senso ha tracciarne di nuove? Utilizzando un archivio visuale costruito raccogliendo immagini di diverse varietà di pane condivise da cittadini europei, realizzeremo un’inedita mappa-collage dell’Europa da attraversare, scoprendo forme, tonalità, texture, superfici, per esplorare somiglianze, alterità e pattern a livello figurativo e interrogarci sul nostro appartenere a un comune spazio europeo. a cura di Entropika Lab & InTheMiddle

 

16.00 > 19.00 / Piazza Marconi

PAN  

Un panificio mobile in cui il pubblico impasta ingredienti e storie.

Performance a cura di Catalina Pollak Williamson

 

17.00 > 18.00 / Forno Perrone, Via Nazionale 52

Anatomic Bread Bodies

Una lezione anatomica in cui sezionare il pane per evocare ricordi di viaggi e migrazioni. Attraverso memorie sensoriali si presentano storie di italiani che hanno lasciato il paese negli ultimi 50 anni.

Performance a cura di Rares Augustin Craiut e Xavier Gorgol

 

18.30 > 19.30 / Chiesa Rupestre Cristo La Gravinella

Lo stomaco, la grotta e il forno: antri misteriosi per la lettura del futuro

Nel forno, nella bocca e nello stomaco l’impasto subisce trasformazioni inattese e sprigiona sensi, sapori e nuove mostruose forme di vita: cosa succederebbe se come aruspici postmoderni ci affidassimo allo stomaco, alla lettura delle viscere per raccontare il futuro interrogando il potere del lievito?

Performance Laboratorio di Gosie Vervloessem

 

20.00 > 21.00 / Rione Piccianello

Musica Da Cucina

Un concerto dove gli utensili diventano strumenti per costruire canzoni delicate, immersi in un flusso sonoro di armonie di chitarra, clarinetto e voci. Fabio Bonelli trasforma l’ambiente della cucina in magia e suono.

 

21.00 > 23.00 / Rione Piccianello

Skanderground

Si denota la matrice musicale d’ispirazione, ovvero lo ska; matrice che ben presto si tinge di differenti sfumature come l’indie, il reggae, evidenziando le influenze dei vari componenti.



8 GIUGNO

10.00 – 13.00 > 15.00 – 19.00 / Mulino Alvino

Mostra ADI Associazione Design Industriale – “breadway” –  Bread for Earth

Mostra IED  School of Design Barcellona – Pan Madre

 

17.00 > 18.00 / Chiesa Rupestre Cristo La Gravinella

Lo stomaco, la grotta e il forno: antri misteriosi per la lettura del futuro

Nel forno, nella bocca e nello stomaco l’impasto subisce trasformazioni inattese e sprigiona sensi, sapori e nuove mostruose forme di vita: cosa succederebbe se come aruspici postmoderni ci affidassimo allo stomaco, alla lettura delle viscere per raccontare il futurointerrogando il potere del lievito?

Performance Laboratorio di Gosie Vervloessem

 

18.30 > 19:30 / Forno Perrone, Via Nazionale 52

Anatomic Bread Bodies

Una lezione anatomica in cui sezionare il pane per evocare ricordi di viaggi e migrazioni. Attraverso memorie sensoriali si presentano storie di italiani che hanno lasciato il paese negli ultimi 50 anni.

Performance a cura di Rares Augustin Craiut e Xavier Gorgol

 

20.00 > 21.30 / Rione Piccianello

Harinera Panem et Circenses

Una performance per rivivere l’antica tradizione della crapiata in versione contemporanea

di Andrea Paz  e Colectivo Harinera Site Specific

 

21.30 > 23.30 / Rione Piccianello

Route 96

Sandro Varvara in Show cooking Blues

 

 

9 GIUGNO

 

10.00 – 13.00 > 15.00 – 19.00 / Mulino Alvino

Mostra ADI Associazione Design Industriale – “breadway” –  Bread for Eart

Mostra IED  School of Design Barcellona – Pan Madre

 

10.30 – 12.30 / Scuola Marconi

PANGEA: tutto il mondo in una polpetta di pane

Sono sette le pietanze diffuse in tutto il pianeta che hanno “globalizzato” ricette e consumi e hanno omologato non solo i sapori ma anche le identità culinarie. Il pane è l’unico alimento di diffusione globale che ha preservato un’identità molto forte a seconda dei paesi di provenienza. La città di Matera ha fatto di questo alimento un prodotto rappresentativo dell’identità gastronomica: da città di carattere contadino ha sempre lottato contro la fame e gli sprechi alimentari dando vita ad un piatto poverissimo ma eccezionale nelle forme e nei sapori, le polpette di pane. È un piatto molto semplice realizzato con il pane raffermo unito ai prodotti che i contadini e gli allevatori avevano in casa: uova, formaggio e qualche erba aromatica. Durante il laboratorio creeremo delle polpette che raccontano l’unione tra le diverse culture “hackerando” le tradizionali polpette di pane con spezie, semi e prodotti europei. Il laboratorio diventa un racconto educativo alimentare che valorizza le diversità e la conoscenza di nuove culture oltre che un momento di manipolazione collettiva. Le polpette realizzate verranno poi cucinate (fritte!) e scambiate tra i partecipanti. a cura di Cozinha Nomade

 

11.30 > 13.00 / Rione Piccianello

Cucine(s) Matera

Una performance_visita guidata ad un nuovo museo a cielo aperto: i volti e le storie degli abitanti del quartiere, trasformano Piccianello in un’opera d’arte unica ed effimera in cui il pane è tratto comune. La visita terminerà con un aperitivo di quartiere presso il grande tavolo collettivo creato per Piccianello.

Installazione performativa a cura di Floriane Facchini&Cie

 

15.30 > 17.30 / Scuola Marconi

CARTA DA MUSICA: la ricetta musicale del pane
Alla scoperta di un neologismo grazie all’artista contemporaneo Roy Paci: la parola del giorno è GASTROFONIA. Significa che ogni ingrediente possiede una propria vibrazione e frequenza d’onda, ogni ingrediente ha così un proprio suono. Durante il laboratorio, esploreremo le diverse consistenze del pane a partire dal suono che produce. Creeremo una storia musicale utilizzando i linguaggi e gli strumenti da cucina. Un gioco musicale fatto di farina e carta di pane; un laboratorio di educazione all’ascolto e alla ritmica. Un racconto collettivo senza parole.

Workshop a cura di Anna Cellamare, Kedy C. Cellamare e Michele Ciccimara

 

16.00 > 19.00 / Piazza Marconi

PAN

Un panificio mobile in cui il pubblico impasta ingredienti e storie.

Performance a cura di Catalina Pollak Williamson

 

17.00 > 18.00 / Chiesa Rupestre Cristo La Gravinella

Lo stomaco, la grotta e il forno: antri misteriosi per la lettura del futuro

Nel forno, nella bocca e nello stomaco l’impasto subisce trasformazioni inattese e sprigiona sensi, sapori e nuove mostruose forme di vita: cosa succederebbe se come aruspici postmoderni ci affidassimo allo stomaco, alla lettura delle viscere per raccontare il futuro interrogando il potere del lievito?

Performance Laboratorio di Gosie Vervloessem

 

18.30 > 19:30 / Forno Perrone, Via Nazionale 52

Anatomic Bread Bodies

Una lezione anatomica in cui sezionare il pane per evocare ricordi di viaggi e migrazioni. Attraverso memorie sensoriali si presentano storie di italiani che hanno lasciato il paese negli ultimi 50 anni.

Performance a cura di Rares Augustin Craiut e Xavier Gorgol in collaborazione con i partecipanti al workshop

 

20.30 > 23.30  / Piazza Marconi

Spaghetti brothers

Un gruppo di virtuosi e simpatici musicisti pugliesi accomunati dalla voglia di divertirsi e divertire il pubblico nelle proprie esibizioni; una live band votata alla musica Swing, Jive e Dixieland che prende ispirazione dalle Big Band americane della prima metà del ‘900, ripropone Standards americani, musica italiana anni ’30-’40-’50, rock&roll e swing contemporaneo.